Procida

Summer School "Comunicando" 2009: il ricordo di una stagista

Angelica Argentiere, specializzanda in Comunicazione interculturale, racconta la sua esperienza dello scorso anno e delle sue aspettative per l’edizione 2010

Cos’è Comunicando?   "Comunicando è una summer school dalla durata di sette giorni, organizzata nel mese di settembre dal professore Massimo Pettorino, coadiuvato dalla commissione scientifica formata dai proff. Rossella Bonito Oliva, Anna De Meo, Giulio Gargia e Anna Maria Valentino.

Navigare necesse est: una mostra sulla storia della subacquea nella sede dell'Orientale di Procida

Nel Conservatorio delle Orfane di Terra Murata un'esposizione di attrezzature e reperti che offrono una testimonianza importante della storia della subacquea nel Mediterraneo e, in particolare, nel Golfo di Napoli

Il 10 luglio è stata inaugurata la mostra Storia della Subacquea attraverso la testimonianza delle attrezzature nella suggestiva cornice del Conservatorio delle Orfane a Terra Murata.
Copertina del libro

Kolympha: le prime esperienze subacquee

Tutto il mondo ammira col fiato sospeso il ritratto del tuffatore di Paestum. Ma altri esempi testimoniano che nel mondo antico l'esperienza del nuoto subacqueo era cosa nota. Un testo pubblicato all'Orientale e una mostra allestita nella sede di Procida sintetizzano l'antichissima capacità di portarsi con il corpo nel mondo sommerso.  

Flavio Russo, Kolympha, Le prime esperienze subacquee, Edizioni Scientifiche e Artistiche, Napoli, 2010.
Locandina dell'evento

Summer School Homelands in Translation

Summer School Homelands in Translation, Procida 13-19 settembre 2010

La Summer School HOMELANDS IN TRANSLATION, promossa dall’Università di Napoli "L’Orientale", che si terrà a Procida presso il Conservatorio delle Orfane (in località Terra Murata) tra il 13 e il 19 settembre 2010, è il risultato dello sforzo congiunto di diverse istituzioni italiane e straniere (Università degli Studi di Napoli "L&rsq
Il professore Iain Chambers, ospite della Summer School

Dall’Anatolia alla Mitteleuropa: patrie (con)divise, perdute, prestate

Alla Summer School Homelands in translation si dà spazio al mondo

Programma ricco, quello della Summer School Homelands in translation. Uno dei primi interventi della giornata di apertura è stato dedicato alle docenti dell’Università di Istanbul, che hanno focalizzato l’attenzione sulla propria madrepatria come homeland transnazionale.
Condividi contenuti